Cosa posso fare per te

Ti ascolto

Ci sediamo comodamente nel mio studio, meglio se davanti a una scatola di biscotti al cioccolato, e ci conosciamo un po’. Mi vedrai prendere appunti (retaggio della mia formazione giornalistica!) e ti farò un po’ di domande. Un bel po’ a dire il vero. Non è per curiosità ma perché ho bisogno di capire chi sei per rappresentarti al meglio.
Come amo le storie, soprattutto quelle che parlano d’amore. Come amo guardarti negli occhi, che brillano sempre così tanto quando mi racconti di voi!

Ti tranquillizzo

So quanto sono alte le tue aspettative e quanto può essere faticoso e stressante il periodo che precede il matrimonio. Per questo puoi rivolgerti a me se c’è qualcosa che ti mette particolarmente in ansia o se hai voglia di sfogarti con qualcuno che ti capisca davvero: avendo vissuto più volte questa situazione ti aiuterò a ritrovare la calma e a goderti il “viaggio” verso il grande giorno.

Ti accompagno

Il giorno delle nozze, sempre se ti fa piacere, vengo da te e ti aiuto a preparati, poi ti accompagno fino al luogo delle cerimonia. Controllo che sia tutto a posto e sfreccio in location, dove di solito il mio team sta già lavorando da un pezzo.

Creo un progetto

Dopo aver capito cosa vuoi comincio a progettare il tuo giorno perfetto. Per prima cosa ti propongo delle location, se ancora non ne hai una, e comincio a immaginare come modificare l’ambiente per creare l’atmosfera che hai in mente. Poi raccolgo spunti e ispirazioni e preparo per te una presentazione o una mood board con cui potrai cominciare a visualizzare il tuo matrimonio.

Ti do la mia parola

Prendo molto sul serio il mio ruolo e faccio di tutto per fare in modo che lo facciano anche tutti i fornitori coinvolti nell’organizzazione. A volte devo star loro “con il fiato sul collo” ma non mollo finché non sono sicura che stiano dando il massimo. Ci metto la mia faccia.

La mia storia

Quando ho frequentato la scuola di giornalismo i docenti non la smettevano mai di ripetere che il dono della sintesi è fondamentale, quindi proverò a raccontarti con poche parole chi sono e come sono arrivata fin qui:

  • sono la mamma di Ale e Pietro, bellissimi bambini con l’argento vivo addosso. Loro mi hanno insegnato cos’è la pazienza. Come si affronta la fatica fisica e che si deve essere reattivi anche quando si dorme pochissimo. Grazie a loro ho imparato a essere multitasking, ad ascoltare con un orecchio solo, a mantenere la calma (o fare finta di farlo!).
  • Sono “mamma” anche di Sophie, un cane lupo cecoslovacco. Da lei ho imparato ad ascoltare il mio istinto, a essere sempre vigile, a farmi furba. Ci siamo addomesticate a vicenda e non è stato per niente facile. La vedrai spesso se verrai nel mio studio.
  • Sono una giornalista “in stand by”. Ho sempre adorato leggere e scrivere. Da piccola mi rinchiudevo in ripostiglio con un libro e una torcia in mano. Oggi giro per casa con il Kindle sotto al naso, anche quando mi lavo i denti! Datemi in mano un pezzo di carta e la farò parlare.
  • Ho sempre desiderato imparare le lingue straniere per poter comunicare con gli altri, per conoscere veramente un'altra cultura. Il mio percorso universitario mi ha portata a vivere a Salisburgo per due anni ed è stato uno dei periodi più felici della mia vita. Oggi me la cavo ancora bene con inglese e tedesco, mentre mi destreggio con francese e spagnolo.
  • La mia anima gitana che mi portata in giro per il mondo è perennemente in conflitto con la mia anima camuna che mi fa provare un forte attaccamento per la mia famiglia, le mie radici e ai luoghi in cui sono cresciuta.
  • Ho una grande fantasia e una fervida immaginazione. Riesco a visualizzare in modo molto chiaro il risultato finale di un progetto. Sono però anche una “pianificatrice seriale”. Ai tempi della scuola i miei appunti erano talmente ordinati e schematici che andavano a ruba fra le mie compagne. Se lavorerete con me mi vedrete spesso con una pila di fogli Excel in mano.

Newsletter

Approfitta di questa occasione!
Scarica gratuitamente alcuni consigli per il tuo matrimonio

Wedding Map